Rete imprese del quartiere Centocelle prenestino

Rete-SOLIDALE-Poesie-Pensieri

Un'elenco di poesie dedicate a questo periodo

CARCERATA SENZA PENA
(Rossana Meteori)

‘na matina me so’ trovata
in casa, senza pena, carcerata.
Vonno sapé che vita faccio?
“Faccio la vita der COJONE
perché, senza corpa, sto’ in PRIGGIONE.
La matina, m’arzo, incacchiata
perché devo da organizzà, in casa mia, la lunga giornata.
Inizzio cor dovere corporale;
poi co l’iggiene personale;
faccio ‘na normale colazzione
poi ginnastica pe’ l’articolazzione,
p’allontanà er VIRUS maledetto,
igienizzo la casa  molto a fonno.
Pe’ paseggià,faccio er giro sur balcone,
e d’è allora che co’ l’imaginazzione:
me trovo ar COLISEO, P.ZA NAVONA,
FONTANA de TREVI, VIA der TRITONE.
Torno drento casa e fo’ ‘na lauta magnata.
M’ariposo, .guardo la televisione e
vedi er presentatore che a ripetizzione:
te dice: “Nun fa’ er  furbetto, è mejo
che stai a casa, senza pena, in PRIGGIONE
così se po’ vince ‘sto “ VIRUS  ROMPI…COJONE”

ANASSOR
(Meteori Rossana 1932)

ER VIRUS GLOBALIZZATO
(Rossana Meteori)

Aho so’ er “ VIRUS MODERNO ”.
d’èsse ‘n VIRUS NORMALE me so’ straccato; 
avete visto come so’ carino?,
Pe’ girà er monno me so’, puro infiocchettato
e, come tutti Voi, me so’ GLOBBALIZATO.
Pe’ prima o’ voluto conosce la grande ASIA,
perché er colore giallo m’à sempre attirato
e ner primo Cinese me ce so’ fionnato.
Che goduria! M’è, tarmente piaciato,
che me so’, subbito, mortipricato.
 So’ stato tarmente bravo che,” mamma mia, “
ò provocato ‘na madornale PANDEMIA !
Coll’amichi mia avemio fatto ‘n invasione,
semo iti in COREA, in AFRICA, in GIAPPONE,
in AMERICA, in EUROPA, in AUSTRAJA.
In FRANCIA, in GERMANIA, in ITAJA!
Mijara de perzone avemio messo a letto,
a centinara, l’avemio mannati sotto tera.
Avemio soterata , ner monno, l’ECONOMIA,
nun se fanno più scambi de merci a causa mia.
Puro er Turismo Globbale o’ anientato
E voi, pe’ paura d’èsse, da me, contaminati,
mettete mascherine e ve sète isolati.
P’eliminamme dalla faccia della tera,
studiate vaccini e me fate la GUERA.
“Che male ò fatto se me so’ GLOBBALIZATO ?
Perché, er  mio immane lavoro, nun avete  aprezzato?
E mo’, puro incacchiati, perché vo’ rovinato
me urlate a gran voce e cor core in mano:
” A FIJO de ‘na BBONA ……….MAMMAAAA!?
MA VA’…. A MORI’ AMMAZZATO ?!”

ANASSOR
(Meteori Rossana)
Classe 1932

INNO ALLA CRI E A LI VOLONTARI
(Rossana Meteori)

Ciao, chi sei?
“So’ er VOLONTARIO.”
E che fai?
“Aiuto chi sta’ in dificortà;
quanno c’è ‘n teremoto, ‘n’inonnnazzione,
o ‘n maremoto  io, senza esitazzione,
senza pensà a me stesso, coro là.
Lavoro  co la CROCE ROSSA ITAJANA,
che d’è la più grande istituzzione
de volontariato che ce stà;
lavoro co la PROTEZZIONE CIVILE;
pe’ sollevà er morale de li degenti
gioveni e vecchi aflitti da gravi mali,
lavoro puro, a tempo pieno, nell’ OSPEDALI.”
Er VOLONTARIATO,
se po’ fa’ pe’ profesione,
o, anche, senza èsse pagato
ma sempre, sempre co’ tanta pasione.
E  io sai che te dico ?:
” noi, che semo comuni mortali,
dovemio da ringrazzia er bon DIO,
perché à creato perzone de grande bontà,
appunto, li VOLONTARI
che, co’ abnegazzione, so’ sempre pronti a aiutà,
anche a costo de la loro vita,  chi sta’ in dificortà.”
W.la CROCEROSSA ITAJANA!
W.TUTTI LI VOLONTARI de tutto er MONNO.

Meteori Rossana
(classe 1932)

LA SOLITUDINE
(Rossana Meteori)

La SOLITUDINE la senti quanno vivi da sola.
Nun ce sta’ gnente e nissuno che te consola.
Aspetti ‘na telefonata che nun ariva,
basterebbe sentì: “PRONTO” pe sentitte viva.
Pe nun morì de malinconia guardi la televisione,
quale unica, santa distrazzione.
Li fiji, quasi tutti ciànno er lavoro,
che je serve pe vive e mannà avanti la famija.
Li nipoti so’ tutti presi dallo studio,
dallo sport e da tante altre attività;
ciattano co’ l’amichi, co’ li compagni de scola
ma ‘na telefonata o ‘na Watstapp a nonna
nun ce penzeno o nun lo vonno fa’.
Si nun voi morì triste e de malinconia,
‘n’interesse te devi da trovà.
Io scrivo povesie, pe fortuna mia,
metto su carta quer che sento drento ar core,
e nun me sento mai veramente sola
perché mantengo viva la mia curiosità.
‘n consijo a chi vive solo vojo dà:
“ Lassa da parte li bui penzieri;
lassa da parte la malinconia,
guarda er celo cosparso de stelle,
guarda la Luna che fa’ da lampione,
guarda er Sole che riscalla la Tera.
Penza a quant’è bbello er Creato
Che DIO à fatto per te e te sentirai appagato;
nun te sentirai più solo perché circonnato
da tanta, immenza “MAGNIFICA BBELTA !”.

ANASSOR
(Rossana Meteori CLASSE 1932)

L'ANGIOLI DER PRONTO SOCCORSO
(Rossana Meteori)

Er 27 giugno der 2019 ore 20
so’ caduta rovinosamente.
Ammappa che CRAGNATA!!
Dovevo annà, co’ li fiji mia,
a fa’ ‘na lauta magnata
e pasa’ inzieme ‘na bbella serata.
Ma…mentre annavo a prenne er tram,
pe’ incontramme co’ loro,
sur marciapiede, sganghenato
dalle radici de ‘n arbero, ò inciampato.
Io, in quer momento de confusione,
m’aricordo che delle persone,
chi er ghiaccio, chi ‘na sedia,
co’ generosità , m’ànno portato.
Avvertiti li fiji mia, che se so’ precipitati:
“ A ma’, che te sei fatta?
Ciai er viso inzanguinato! “
Doppo avé, inutirmente chiamato,
le autorità competenti, mi fijo,
co’ la machina sua ar Pronto Soccorso
der POLICLINICO CASILINO, m’à portato.
Codice verde, m’ànno subbito chiamato,
pe’ fa’ li primi accertamenti
poi in sala d’aspetto , su ‘na sedia a rotelle,
perché er pronto soccorso era afollato,
in attesa der mio turno, m’ànno arimannato.
Finarmente, a notte inortrata,
pe’ fa’l’accertamenti der caso, so’ entrata.
Quanti malati, quanti feriti, più o meno gravi,
chiedeveno l’asistenza der personale
che, in quer turbolento MARASMA generale,
co abbenegazzione e pazzienza, se prodigava
e pe’ tutti  ‘n soriso e ’na parola bbona.ce stava.
In quer monno  cosparzo de’ gemiti e dolori,
portantini, infermieri, radiologhi, dottori,
a pieno titolo pe’ er loro gravoso lavoro
da tutti  so’ e saranno ritenuti
der Pronto Soccorso:
                    “ L’ ANGIOLI D’ORO “

ANASSOR
Riconoscente
(Meteori Rossana)
Classe 1932

Assemblea della Rete Imprese Castani - 10 Marzo Prenotati
Rete Imprese Castani